Non chiedere all’oste se ha buon vino

La Federazione NCTSRM pubblica una nuova news letter datata 13 marzo 2014.

Segna il passo delle proprie scelte pubblicando un altro documento che aderisce al modello da loro proposto. Pianta un’ altra bandierina sul terreno conquistato in una battaglia mediatica a volte stucchevole.

Ad un occhio attento però, non può sfugge il particolare che alcune delle importanti strutture sanitarie cosi elencate, in realtà sono le stesse in cui lavorano i componenti del comitato centrale, pertanto non sono un indicatore valido  e disinteressato.

Non chiedere all’ oste se il vino è buono…

wine

In realtà nella letterà cè un altro segnale importante che finalmente sposta l’ attenzione dal piano politico a quello pratico e concreto.

… proporre e condividere modalità organizzative innovative, in grado di garantire da una parte l’appropriatezza delle prestazioni radiologiche (giustificazione), dall’altra  la necessaria tranquillità ai professionisti

Cè il desiderio di proporre uno strumento, una soluzione per coloro che la vogliono cogliere. Per gli altri rimane il piano politico, quello dei perché, delle interpretazioni.

E così sia, cin cin

testo dellla news letter

 

 

 

 

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.