Esami “After Eight” …perchè, per chi?

La proposta della Giunta Regionale Veneta (link) che dal 2013 ha promosso l’organizzazione delle attività diagnostiche anche nelle fasce orarie notturne e festive, ha avuto una discreta eco mediatica. Dopo il Veneto seguirono le iniziative in Piemonte (Osp San Giovanni Bosco) e in Puglia. Sostenitori e detnotte nomerattori si susseguirono nella varietà di opinioni lasciando sul campo qualche strascico sospetto.

La trasmissione televisiva Report , infatti, nell ottobre 2013 rilevava alcune perplessità circa l’organizzazione delle attività e  lo stesso presidente della SIRM,  Carlo Faletti, dichiarava apertamente che l’iniziativa ” .. è “inefficace” e “rischia di sovraccaricare gli organici e le attrezzature vetuste dei nostri ospedali, che per oltre 40% ha più di 10 anni” (QS 20 Dic 2013).

A chi credere?

Forse la chiave di lettura sta nel capire quale sia la criticità da affrontare e, di conseguenza, valutarne la soluzione adottata.  La questione, infatti, gravita attorno a diverse problematiche che vengono messe in campo per avallare, giustificare o criticare l’ iniziativa a seconda del punto di vista, degli interessi.

Cosa si cerca di risolvere, quale criticità viene affrontata? credibilità politica, disoccupazione, incentivazione del personale o liste di attesa?
A voi la sentenza.

Articoli “contro”

Padovaoggi

QS Sanità

 

Esami di notte e Tac spente di giorno Zaia: «Punirò i furbi, chi sbaglia paga»

Articoli “pro”

Torino esami notturni

 Esami notturni ecco i numeri

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.