DR Wireless VS CR Classic: the winner is…

Non contenti delle performances delle loro case motociclistiche i giapponesi prendono il cronometro anche per misurare i tempi di imagasesconsegna delle radiografie con unità mobile… e non mancheranno di stupirvi.

I ricercatori di Hong Kong, infatti, hanno valutato una differenza del 70 % nei tempi di consegna di una radiografia fatta con sistema digitale portatile Wireless (DR), contro un sistema CR classico .

Hanno campionato 190 esami: 97 studi con il sistema mobile a raggi X CR e 93 tramite l’unità DR wireless.
Lo studio inoltre descrive abbondantemente le caratteristiche e le criticità  dei sistemi di comunicazione introdotti, le modalità e gli standard utilizzati per la struttura informatica. Si trattano le problematiche tipiche e pratiche di questa realtà: ascensori, distanze, trasporti, potenza e intensità delle sorgenti wireless.

Secondo i loro dati i tempi medi vanno dai 6,8 minuti del DR Wireless ai 23 minuti del CR.
Le valutazioni in merito al potenziale clinico dovuto a questa entità di scarto sono evidenti.
La radiologia “in reparto”, ha sempre presentato problemi particolari per i tempi di gestione, accessi alle aree protette e movimentazioni critiche.  I richiedenti  necessitano spesso di accesso veloce alle immagini che a volte può determinare il successo di un tratttamento; l ‘evidente collo di botttiglia nel processo di imaging è , infatti dovuto al trasferimento dei plates CR verso gli scanner di conversione

L’impiego di sitemi wirles Dr migliora quindi la gestione ed i tempi del flusso di lavoro garantendo al paziente ed ai sanitari un accesso più rapido ed efficiente alle informazioni utili alla diagnosi ed al trattamento.
Leggi l’articolo su PUBMED

 

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.