Convergenze parallele

Pubblichiamo un documento interessante: una nota congiunta inviata all’Assessore alla Sanità REGIONE PIEMONTE Antonio SAITTA dal Collegio Professionale IPASVI di TORINO e Collegio  Professionale  Interprovinciale  TSRM  TORINO-AOSTA sull’utilizzo delle apparecchiature radiologiche .images (2)

La lettera affronta una questione nota, diffusa e tristemente sommersa.

dal testo:

…per la rappresentatività professionale e, soprattutto, la funzione di garanzia che gli scriventi Collegi professionali hanno nei confronti delle persone assistite dal sistema sanitario della nostra Regione, siamo a chiederLe:

 di poterLa incontrare, congiuntamente, al fine di meglio testimoniare ed argomentare l’esigenza di intervenire sulle modalità di organizzazione e gestione delle attività in oggetto;

 di promuovere un’azione di verificare all’interno delle ASR e, qualora l’attuale prassi fosse in contrasto con la normativa di legge e le linee guida riguardanti l’attività radiodiagnostica complementare svolta presso le sale operatorie, le emodinamiche, le sale di radiologia interventistica e le sale ibride, di intervenire in merito, garantendo la presenza del Tecnico Sanitario di Radiologia Medica per le attività che richiedono l’utilizzo di apparecchiature radiologiche che emettono radiazioni ionizzanti;

 di modificare la Deliberazione della Giunta Regionale 7 aprile 2011, n. 13-1826 “Attuazione Piano di Rientro. Revisione dei requisiti strutturali ed organizzativi e ridefinizione della rete dei laboratori di emodinamica e revoca D.G.R. n. 47 – 8608 del 14.4.2008”.

ARC_lettera_Assessore_Sanità_Piemonte_Federazioni_TSRM_e_IPASVI

 

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.