Caro amico, prova ad intercettare il carro della teleradiologia

Leggendo un articolo pubblicato da Repubblica sulla questione dei Taxi, ai lettori piu’ attenti, non potrà sfuggire un particolare curioso e interessante. L’autore, Carlo Ratti, insegnante presso il Massachusetts Institute of Technology di Boston, si rivolge ai tassisti con una lettera aperta:

Caro tassista, prova a intercettare il carro della tecnologia

Ad un certo punto, generalizzando un concetto legato all’evoluzione della società e dei lavori che ne fanno parte, lancia un monito a tutti i resistenti, a coloro che pensano ancora di sfuggire al cambiamento…

Perché in fondo si tratta proprio di questo: capire come traghettare verso un mondo nuovo. Per questo ti propongo un patto. Tutti noi – la società – dobbiamo fare in modo che tu sia accompagnato in questo difficile percorso, insieme agli altri milioni di tassisti che perderanno il posto di lavoro nei prossimi anni (e anche tutti coloro che, in settori diversi come la radiologia, la finanza o la progettazione di cui mi occupo io saranno ugualmente lasciati a casa da robot e intelligenza artificiale).

A buon intenditor poche parole bastano….

..e tu, dal canto tuo, ti devi impegnare a non ostacolare un’inevitabile transizione, cercando invece di esserne partecipe e protagonista.

Leggi la lettera su Repubblica 

Lascia un commento

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.